buzzoole code

Le regole della Casa

Seggiolini auto, come scegliere il migiore

By  | 

I seggiolini auto sono tra gli acquisti più importanti per noi genitori perché sono fondamentali per la loro sicurezza e permettono di proteggerli davvero quando siamo in auto. Io sono molto attenta a questo argomento per questo motivo prima di fare le mie scelte mi sono lungamente documentata per scegliere ciò che ritenevo migliore per la mia bimba.

I seggiolini auto presenti sul mercato sono davvero tanti e ce ne sono davvero per tutti i gusti, le esigenze e le tasche. Parlando di bambini in auto la prima cosa da dire è certamente mai senza seggiolino. Meglio un bimbo che piange fino allo sfinimento che un bambino morto o ferito. Nessun genitore, e non per mancanza di bravura o forza, è in grado di tenere saldamente un bambino come possono fare le cinture di sicurezza e sono certa che nessun genitore vorrebbe mai sapere di essere stato la causa di gravi lesioni del proprio figlio. Dunque, seggiolino sempre anche nei brevi tragitti, visto che spesso gli incidenti capitano proprio quando meno ce l’aspettiamo.

Detto ciò è importante sapere che sarebbe bene tenere i bambini in senso contrario a quello di marcia fino almeno a 15 o 18 mesi perché in tal modo si evita di sottoporre il collo a stress eccessivi visto che la testa è ancora molto grande rispetto al corpo e la muscolatura poco sviluppata.

Inoltre sarebbe bene valutare sempre peso ed altezza del bambino per capire se un seggiolino va bene per il nostro bimbo. L’ovetto che si usa quando i bimbi sono molto piccoli in realtà va bene fino a 13/15 Kg (in base alla casa produttrice e al modello) e può essere utilizzato fino a quando il bambino non supera con la testa il limite posteriore. Proprio per questo io ho utilizzato fino ad adesso questo tipo di seggiolino e la mia bimba ( 21 mesi – 11 kg – 81 cm) ci sta ancora benissimo.

In questi giorni però cambieremo seggiolino per passare ad uno dei seggiolini che negli anni ha riscosso maggior successo nei test sulla sicurezza effettuati dal TSC, il Touring Club Svizzero che ogni anno stipula un’attenta classifica analizzando in modo molto severo un grande numero di seggiolini da auto presenti sul mercato.

Il seggiolino che abbiamo scelto è molto diverso da quelli classici ed è il Pallas M-Fix di Cybex. Questo è un seggiolino di nuova generazione che trattiene i bambini non con il classico sistema di cinture ma con un cuscino addominale che riduce ampiamente le lesioni in caso di incidente.

Questo è sicuramente un seggiolino molto costoso rispetto ad altri (siamo sui 300 euro circa) ma a mio parere da un confronto effettuato con altri modelli presenti sul mercato vale quanto costa e poi è un tipo di supporto capace di trasformarsi ed accompagnare il bimbo fino all’adolescenza.

Appena lo avrò fisicamente tra le mani ve ne parlerò subito.

Io per districarmi tra i mille modelli di seggiolini auto ho trovato davvero utilissime tutte le relazioni del TSC secondo le quali molti dei seggiolini proposti in realtà non sarebbero davvero sicuri per i nostri bimbi.

grafico seggiolini auto

Importante da conoscere sono anche le diverse normative in vigore in tema di seggiolini auto: al momento sono attive il regolamento europeo I-size R129 in vigore dal 2014, che si basa prevalentemente sull’altezza del bambino, ed il più noto ECE R44 che utilizza come parametri di riferimento peso ed età del bimbo. Ancora in Italia sono pochissimi i produttori che fanno riferimento alla nuova normativa ma restano comunque entrambe valide.

Il mio consiglio è di valutare bene il seggiolino che intendete acquistare ricordandovi che ogni scelta fatta è per il bene di vostro figlio. Non dovete per forza spendere tanto ma assicurarvi che il prodotto che acquistate valga davvero il suo prezzo,  senza lasciarvi ingannare da marchi, fantasie accattivanti o offerte speciali, e che vostro figlio viaggi sempre in sicurezza nel suo seggiolino.

Blogger, Wedding Planner e Mamma

3 Comments

  1. Pingback: Baby Review: Cybex Pallas M-Fix, il perfetto seggiolino auto | Le regole della casa

  2. Pingback: Sicurezza in auto: Opel OnStar, l’angelo custode degli automobilisti – Le regole della casa

  3. Pingback: Sicurezza in auto: consigli e normative per viaggiare in serenità con i bambini – Le regole della casa

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *